DOCUMENTI SCARICABILI

Vademecun linee guida del Ministero dello Sport

Locandina per disposizioni FITARCO

Locandina disposizioni del Ministero dello Sport

Protocollo COVID19 per gare sperimentali

Protocollo COVID19 per gare aggiornamento


 

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 06-09-2020 ore 18.00

 

- Domenica 06 settembre 2020

Protocollo Covid-19 per attività di allenamento

In riferimento al “Protocollo per gare periodo Covid-19” pubblicato con circolare n. 44 del 7 agosto 2020, si chiarisce che tale protocollo è valido, per quanto applicabile, anche durante le attività di allenamento.

- Domenica 19 luglio 2020

E' possibile scaricare e leggere la nuova comunicazione emanata dalla FITARCO in merito alle gare e comportamenti da mantenere.

- Sabato 20 giugno 2020

Al fine di poter riprendere le attività sportive il Consiglio Federale ha ritenuto opportuno programmare una prima fase di “gare sperimentali” da svolgere nel mese di luglio 2020

Cari Presidenti di Società,
Cari Atleti, Tecnici e Tesserati tutti, 

al fine di poter riprendere le attività sportive il Consiglio Federale ha ritenuto opportuno programmare una prima fase di “gare sperimentali” da far disputare in tutte le Regioni italiane, così da verificare le criticità che possano emergere dal loro svolgimento ed apportare le necessarie modifiche nel caso si possa ripartire con la pianificazione ed organizzazione di Calendario Sportivo. 

Il regolamento di queste“gare sperimentali” si basa sulle attuali prescrizioni sportive e governative in essere che limitano significativamente la “libertà”  organizzativa. In esso vengono approfonditi sia gli aspetti relativi alla sicurezza legata al contenimento del contagio da virus COVID-19, sia agli aspetti connessi alle conseguenti e temporanee variazioni regolamentari. 

Si invia in allegato il testo del protocollo delle gare sperimentali nel periodo COVID-19 approvato dal Consiglio Federale nella riunione del 13 giugno u.s.. 

L’allegato testo si compone di tre sezioni:
la prima contiene indicazioni comuni per tutte le tipologie di gare, la seconda regole specifiche per le gare H+F e 3D e la terza per le gare Targa all’Aperto.

Il Consiglio Federale ha inoltre stabilito, oltre al regolamento “gare sperimentali”, anche altre direttive che si sostanziano nei seguenti punti:
1.    potranno disputarsi massimo tre gare per ciascun Comitato Regionale e precisamente: una gara targa all’aperto, una gara H+F e una gara 3D;
2.    saranno  autorizzate solo ed esclusivamente le gare proposte dai Comitati Regionali;
3.    tutte le gare dovranno essere disputate nel mese di luglio;
4.    le richieste dovranno pervenire entro e non oltre il 28 giugno p.v., alla Segreteria Federale in modalità on-line, il cui link e la relativa password sono stati già inviati automaticamente ai Comitati Regionali;
5.    oltre al verbale di gara di competenza dei Giudici di Gara inviato con le consuete modalità, le società organizzatrici e i Comitati Regionali dove insiste la gara dovranno trasmettere una ulteriore relazione sullo svolgimento della gara. Tale relazione dovrà essere compilata su apposito modulo “on line” che sarà inviato con successiva e-mail dal sistema informatico, e dovrà pervenire entro il giorno successivo a quello in cui si è svolta la competizione;
6.    i risultati ottenuti non sono validi ai fini della ranking list e del conseguimento di record; non danno, inoltre, luogo ad assegnazione di punti assemblea e di altri riconoscimenti federali;
7.    gli atleti iscritti devono essere in regola con la prescritta certificazione medica.

 

- Martedì 2 giugno 2020

Importante comunicazione per le Società affiliate riguardante le schede elettroniche di rilevazione da compilare on line al fine di parametrare i contributi da assegnare per emergenza COVID-19

Cari Presidenti,
Vi comunico che a breve saranno inviate sulla casella di posta elettronica di ciascuna società alcune schede elettroniche di rilevazione da compilare online concernenti alcuni dati salienti riguardanti l’attività e le strutture delle società stesse, al fine di poter parametrare i contributi legati all’emergenza COVID-19, sia per l’attività Olimpica che per l’attività Paralimpica.

 

- Sabato 30 maggio 2020

Supporto alle Associazioni Sportive per emergenza COVID-19

Contributo forfettario in sostituzione della presentazione di ricevute

In riferimento alla comunicazione pubblicata in data 19 maggio u.s. circa i vari provvedimenti normativi che si sono susseguiti per l’emergenza COVID-19 concernenti i sostegni economici per il mondo dello sport, e in particolar modo quelli relativi alle associazioni sportive, si informa che il Consiglio Federale ha deciso in data 23 maggio u.s. di erogare un contributo forfettario omnicomprensivo alle società per sostenere le spese relative agli adeguamenti igienico-sanitari-organizzativi degli impianti sportivi. Tutto ciò per semplificare e accelerare le procedure, a parziale modifica della precedente indicazione che prevedeva l’erogazione del contributo a seguito di presentazione di ricevute relative alle spese suindicate. Tale contributo sarà quantificato in base a precisi parametri stabiliti dal Consiglio Federale stesso. Sarà poi pubblicata a breve la relativa modulistica da compilare obbligatoriamente per ottenere tale contributo.

- Mercoledi 20 maggio 2020

In seguito alle linee guida emanate dal Governo con l'ultimo DPCM, in allegato l'aggiornamento del “vademecum federale igienico-sanitario-comportamentale”, come strumento di prevenzione e protezione dal contagio da COVID-19

A seguito della pubblicazione delle nuove “linee guida per l’esercizio fisico e lo sport” emanate dal Governo con l’ultimo DPCM del 17 maggio 2020, si pubblica in allegato il “vademecum federale igienico-sanitario-comportamentale”,come strumento di prevenzione eprotezione dal contagio da COVID-19.

Si chiarisce che nel suddetto testo sono evidenziate le differenze rispetto al vademecum federale pubblicato precedentemente in data 8 maggio u.s.

- Sabato 16 maggio 2020

Il Ministro per lo Sport e le Politiche Giovanili ha comunicato che la riapertura dei centri sportivi avverrà in data 25 maggio p.v., anziché il 18 maggio come era nelle aspettative

Cari Presidenti di Società,
Cari atleti, tecnici e tesserati tutti,

facendo seguito ai precedenti comunicati, mi spiace di rendere noto che il Ministro per lo Sport e le Politiche Giovanili ha comunicato che la riapertura dei centri sportivi avverrà in data 25 maggio p.v.anziché il 18 maggio come era nelle aspettative.

Saranno poi comunicate ufficialmente le relative linee guida da osservare per la riapertura ufficiale dei campi di tiro, adeguate alle nuove disposizioni che saranno impartite dal Governo per la “fase 2”.  

Nell’attesa, questi ultimi giorni di chiusura potrebbero essere utilmente impiegati per riattivare le strutture ed essere pronti per la ripresa delle attività.

Rammento che ogni iniziativa tesa a riaprire in anticipo i centri sportivi, cadrà sotto l’esclusiva responsabilità dei Presidenti di Società/gestori degli impianti con potenziali negative ricadute anche sulla copertura assicurativa federale. 

Comunico infine che il Consiglio Federale, riunitosi ieri pomeriggio, ha deliberato di prorogare l’annullamento delle gare fino al 31 agosto p.v.

- Sabato 09 maggio 2020

Vademecum igienico-sanitario-comportamentale da seguire obbligatoriamente quando sarà disposta dal Governo la riapertura dei centri sportivi su tutto il territorio nazionale

A seguito della pubblicazione in data 4 maggio u.s. da parte dell’Ufficio Sport dellaPresidenza del Consiglio dei Ministri, delle “Linee Guida ai sensi dell’art. 1, lettere f e g del Decreto delPresidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020 - Modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport individuali” la FITARCO ha predisposto un proprio calibrato vademecum igienico-sanitario-comportamentale da seguire obbligatoriamente quando sarà disposta dal Governo stesso la riapertura dei centri sportivi su tutto il territorio nazionale.

- Sabato 02 maggio 2020

Importante comunicazione relativa al DPCM pubblicato il 27 aprile 2020

Facendo seguito a quanto stabilito nell’ultimo DPCM pubblicato in data 27 aprile u.s. si chiarisce che non è stata disposta la riapertura dei centri sportivi e quindi anche dei nostri campi di tiro. Quindi pur permanendo, allo stato, tale divieto è auspicio della federazione che in questi giorni le istituzioni sportive e governative chiariscano con più definizione le prospettive di riapertura dei centri sportivi a breve, medio o lungo termine a seconda della tipologia degli impianti e degli sport che vi si praticano. Sarà nostra cura, come sempre,darne tempestiva comunicazione unitamente alle conseguenti specifiche direttive da adottare.

il Presidente Fitarco Mario Scarzella
Il Segretario Generale Fitarco Marcello Tolu

- Domenica 26 aprile 2020

Cari Presidenti,
facendo seguito a quanto già comunicato in data 3 aprile u.s. circa le direttive impartite dalla Fitarco in materia di restrizioni dovute alla pandemia COVID-19 e, in considerazione di alcune richieste che mi sono pervenute per le vie brevi, mi corre l’obbligo di ribadire ancora una volta che qualsiasi ripresa delle attività di allenamento nei nostri campi di tiro non potrà prescindere  da una esplicita nuova disposizione autorizzativa impartita dall’autorità di governo (fermo restando l’obbligo di osservare anche le eventuali ulteriori disposizioni che possano provenire dalle regioni o comuni dove insistono le società).

Quindi resta assolutamente fermo, allo stato, il divieto di far svolgere ogni attività di allenamento significando che chi dovesse comunque procedere ad aprire le  strutture ne risponderebbe personalmente (principalmente i Presidenti di Società) con le conseguenze sanzionatorie che ne potrebbero derivare.

Vi segnalo, altresì, che comunque gli impianti potranno essere riaperti solo a seguito di apposita delibera del Consiglio Federale, che farà proprie le norme di indirizzo comportamentali che saranno emanate dall’autorità di governo.

E’ inutile ricordarVi che, benché il più grande desiderio di tutti noi è riprendere una vita normale tornando il prima possibile a tutte le nostre attività, la tutela della salute ha una valenza assolutamente prioritaria.

Certo che, come al solito, Vi farete tempestivi interpreti del contenuto della presente comunicazione nella Vs. regione, Vi porgo i miei più cordiali saluti.

Mario Scarzella
Presidente FITARCO